Separazione, divorzio e depressione

Dic 06, 17 Separazione, divorzio e depressione

Posted by in Ansia e Depressione, Blog

di Marco de Coppi * e Sofia Tagliabue ** La fine di una relazione è indubbiamente un evento stressante per qualunque persona che può anche portare, in alcuni casi, allo sviluppo di problematiche psicologiche come la depressione; ma perché questo è vero solo per certe persone e non per altre? La separazione e il divorzio sono fenomeni alquanto diffusi nella società odierna. Come, infatti, è riportato nei dati Istat del 2015 in Italia il tasso dei divorzi è del 25% (in continua crescita anche a seguito dell’introduzione del “divorzio breve”). Tuttavia, l’Italia è uno dei paesi con il tasso più basso; infatti in Spagna, Lussemburgo, Repubblica Ceca, Portogallo e Ungheria è del 60% e in Belgio del 70%. Anche in Russia e negli Stati Uniti il 50% dei matrimoni si conclude con un divorzio. Separazione, divorzio e depressione: quale correlazione? Le relazioni interpersonali sono fondamentali per l’essere umano e quelle più significative, come possono essere quelle affettive e sentimentali tra partner, hanno indubbiamente un effetto importante sulla salute psichica delle persone. Una separazione o un divorzio, cioè la conclusione definitiva di una relazione e quindi il venir meno di un progetto di vita condiviso, rappresentano eventi di grande portata emotiva, talvolta difficili da accettare, che generano tipici sentimenti di rabbia, tristezza o aggressività, ma che possono anche avere, in certi casi, conseguenze patologiche a lungo termine sull’umore della persona e determinare lo sviluppo di una depressione. La depressione clinicamente significativa che può insorgere a seguito di una separazione è diversa dagli stati emotivi, dolorosi ma fisiologici, che accompagnano ogni lutto e ogni perdita importante. I disturbi dell’umore, di cui la depressione è parte, sono riconosciuti dall’Organizzazione Mondiale della Sanità in base ad alcuni sintomi specifici che si presentano per un periodo continuativo e significativo: sensazione di tristezza, vuoto e disperazione diminuzione di interesse e piacere per tutte le attività della giornata marcata perdita o aumento di peso insonnia o al contrario ipersonnia mancanza di energia, senso di colpa e di autosvalutazione eccessivi o inappropriati...

read more

La coppia dallo psicologo

Apr 22, 16 La coppia dallo psicologo

Posted by in Blog, Coppie

  Ne parliamo con il dottor Marco De Coppi, referente del servizio di consulenza psicologica per la coppia. Da un’intervista effettuata dalle studentesse del Liceo Carlo Porta di Monza (Fabiola, Martina, Laura e Camilla) Quali sono le possibili origini di una crisi o di un conflitto per cui una coppia si rivolge a uno psicologo? Le origini sono molteplici e fondamentalmente legate alla storia specifica di ciascuna coppia e, al tempo stesso, personale di ognuno dei partner. Si possono, per esempio, ritrovare all’inizio del rapporto quando le aspettative rispetto al legame di coppia o ai progetti di vita non vengono sufficientemente condivise e i partner scoprono solo più tardi che queste sono profondamente diverse; oppure può anche accadere che si resti intrappolati nei modelli relazionali della propria famiglia d’origine senza riuscire a dar vita con il partner a qualcosa di nuovo che derivi dal loro specifico incontro. Altre volte, poi, le criticità e i conflitti insorgono nell’evoluzione del rapporto quando, cioè, per diverse vicissitudini i partner non hanno curato gli aspetti emotivi e comunicativi del loro stare insieme. La vita di coppia, infatti, attraversa diverse fasi evolutive – dall’innamoramento alla stabilizzazione – che non possono essere date per scontate, altrimenti il rischio è di assistere a una progressiva desertificazione emotiva del legame affettivo oppure all’emergere di angosce claustrofobiche che conducono i partner verso stati di insoddisfazione e di rigetto reciproco o unilaterale. Dalla sua esperienza, c’è un’età prevalente o un momento specifico della vita di coppia in cui si chiede un aiuto specialistico? La richiesta di terapia psicologica, sia come coppia sia individualmente, rispetto a problematiche affettivo-relazionali coinvolge fasce di popolazione di ogni età: dalla giovane età adulta, quando i legami di coppia iniziano a consolidarsi e a evolvere in una progettualità, all’età matura quando la maggiore autonomia dei figli e i passaggi del ciclo di vita portano i partner ad una riorganizzazione degli investimenti emotivi personali e di coppia. A chiedere assistenza psicologica sono, inoltre, le coppie in fase di separazione che necessitano...

read more

Sessualità e disfunzioni sessuali nell’individuo e nella coppia

Set 23, 15 Sessualità e disfunzioni sessuali nell’individuo e nella coppia

Posted by in Blog, Coppie

    L’Organizzazione Mondiale della Sanità – OMS considera la sessualità “un aspetto centrale dell’essere umano che comprende il sesso, l’identità e i ruoli di genere, l’orientamento sessuale, l’erotismo, il piacere, l’intimità e la riproduzione”. Sempre l’OMS definisce la salute sessuale quale stato di “benessere fisico, emotivo, mentale e sociale legato alla sessualità, non riducibile all’assenza di malattia, disfunzione o infermità; rilevante per tutta la durata della vita di un individuo, non solo a quelle negli anni riproduttivi, ma anche per i giovani e gli anziani.” (World Health Organization; 2006) Il funzionamento sessuale è dato da una complessa interazione tra fattori biologici, legati al sistema endocrino, nervoso e all’apparato genitale, socioculturali e psicologici che attengono alla storia personale di ciascuno: al proprio sviluppo psicofisico, al rapporto con il corpo, alle modalità emotive e affettive di vivere le relazioni intime. Nei rapporti di coppia, la sessualità riveste un ruolo importante non solo – ovviamente – a livello procreativo, ma anche affettivo e relazionale. Nella sessualità, infatti, la coppia scopre un proprio modo di “comunicare” l’intimità dei bisogni e, attraverso il piacere che deriva dal rapporto sessuale, trova l’appagamento reciproco ai propri desideri. Tutto ciò rinforza il legame affettivo tra i partner. Come altre funzioni dell’organismo, la sessualità può andare incontro a problematiche o a veri e propri disturbi – ad esempio vaginismo, anorgasmia, eiaculazione precoce, impotenza e altri ancora – che ne condizionano il funzionamento e che ricadono sulla salute e sul benessere psichico della persona e della coppia. La pubblicazione del DSM 5 (Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders, 2014), da parte dell’American Psychiatric Association, ha ridefinito le Disfunzioni Sessuali per meglio comprenderle dal punto di vista clinico e affrontarle sul piano terapeutico, al fine di restituire ad ogni persona che ne soffre e ad ogni coppia la propria salute sessuale. In linea generale, tali disfunzioni sono caratterizzate da difficoltà che ostacolano o impediscono il rapporto sessuale. Nello specifico, la persona che ne soffre vive il rapporto sessuale in modo problematico sperimentando emozioni...

read more