Visita psichiatrica

La visita psichiatrica è una visita medica volta ad indagare le problematiche psicopatologiche e la salute psichica di un soggetto. Essa si svolge con un colloquio che cerca di comprendere il disagio esperito dal paziente, anche alla luce del suo stato generale di salute, della storia di vita pregressa e del contesto in cui vive. Oltre i contenuti narrati, la valutazione psichiatrica osserva le modalità del colloquio, ad esempio come la persona si presenta, si atteggia, si esprime, su cosa tende a focalizzarsi. Basandosi sull’osservazione, su quanto avviene nello scambio conoscitivo, sulle riflessioni stimolate dall’incontro e sull’integrazione di conoscenze appartenenti a discipline differenti – tra cui la farmacologia, la psicologia, le neuroscienze… – lo psichiatra cerca dapprima di ‘descrivere’, formulando e restituendo al paziente una diagnosi, e quindi di fornire delle indicazioni per la cura. La diagnosi, più che come un’etichetta o ancor meno un giudizio, va pensata come un canale per raggiungere il disagio, mentre le proposte di cura – come interventi farmacologici, psicoterapeutici a diverso indirizzo, riabilitativi… – possono basarsi su strumenti e metodologie differenti ritenuti idonei e favorevoli per il paziente, date le sue condizioni di vita e la sua storia.